Non rinuncio all’idea che a Monreale le cose possano cambiare. Anche questa legislatura, guidata dal Sindaco Capizzi, si chiude con un fallimento. Le promesse, già vaghe in campagna elettorale, non sono state mantenute, e non si apprezzano, rispetto a cinque anni fa, miglioramenti significativi rispetto al passato.

La sensazione è che siano stati cinque anni persi, anche in considerazione del fatto che il Sindaco uscente governa da tempo la Città senza una maggioranza consiliare, e per questa ragione l’azione amministrativa ne ha risentito molto.

Ma l’elemento caratterizzante è la serpeggiante delusione dei Monrealesi che si manifesta ormai da tempo e a volte in modo eclatante. Non starò qui ad elencare i problemi irrisolti che viviamo, ma posso garantire fin da subito che la mia ricandidatura è frutto della convinzione che Monreale possa uscire dall’impasse in cui si trova: è sufficiente mettere a disposizione di Monreale e dei Monrealesi le competenze di cui dispone il gruppo che ho il privilegio di guidare. Non saranno promesse vaghe le nostre. Per ogni problematica sarà proposta una soluzione! Il consenso che vorrete attribuirci sarà la nostra forza, e sarà tradotto in idee per il Paese e per la comunità.

Quando ho iniziato a confrontarmi con gli amici che mi stanno coadiuvando, è immediatamente serpeggiato un cauto ottimismo. Monreale ha problemi molto antichi, la cui risoluzione chiederà tempo. Ma alcuni passi potranno già essere mossi entro la fine di quest’anno solare, e all’intero di questi cinque anni di legislatura siamo fiduciosi che i risultati saranno notevoli.

Ci metteremo la faccia, tutti quanti! Ma soprattutto ci metteremo le nostre conoscenze e competenze. Chiediamo fiducia, perché siamo certi che non sarà tradita.

Alberto Arcidiacono candidato Sindaco.